Attività: Apprendistato Professionalizzante

L’apprendistato è un contratto di lavoro subordinato caratterizzato da un contenuto formativo oltre ad essere un modo per completare un percorso di studio, pertanto  nel contratto di apprendistato alla parte lavorativa è associata una parte formativa, necessaria al fine di conseguire la professionalità richiesta dalle mansioni svolte o le conoscenze utili a conseguire un titolo di studio.
Le aziende che non rispettano l'obbligo di formazione esterna per i propri apprendisti non possono godere delle agevolazioni contributive previste per il contratto di apprendistato e sono soggette a sanzioni nel caso di visite ispettive.
La documentazione relativa all'attività formativa svolta dagli apprendisti deve essere conservata per cinque anni

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE
L'apprendistato professionalizzante è un contratto di lavoro a contenuto formativo rivolto ai giovani tra i 18 anni (17 anni se in possesso di una qualifica professionale) e i 29 anni (sino al giorno precedente il compimento del trentesimo anno).
 
NOVITA’ IMPORTANTE
In base all’art. 47, comma 4, del d.lgs. n. 81/2015, è possibile assumere in apprendistato professionalizzante, senza limiti di età, i lavoratori beneficiari di indennità di mobilità (infra par. 1) o di un trattamento di disoccupazione (infra par. 2).
Questo contratto può durare al massimo 3 anni, 5 per i profili professionali caratterizzanti la figura  dell'artigiano.
 
La formazione per l’apprendistato professionalizzante si articola in formazione di tipo professionalizzante, a cura dell’impresa (durata e modalità di erogazione sono stabilite a livello nazionale dai contratti collettivi o dagli accordi interconfederali), e formazione per l'acquisizione di competenze base e trasversali, disciplinata dalla Regione.
 


Accanto a significativi vantaggi economici per l’impresa questo contratto rappresenta un importante aspetto formativo nei confronti del lavoratore.
La CONFCOMMERCIO e ISCOM EMILIA ROMAGNA intendono supportare le imprese del Terziario nel far fronte a questo impegno e a tale scopo hanno predisposto, in collaborazione con il Consorzio Formazione & Lavoro - Servizi per l'occupazione e la formazione dei lavoratori, gli strumenti che consentono di espletare interamente l’obbligo formativo.
Sono proposti: servizi di consulenza per la redazione dei contratti, assistenza nell’individuazione e nello svolgimento dei percorsi formativi previsti per la formazione “esterna”, per la formazione dei tutor e materiali didattici di supporto.
  
I VANTAGGI ECONOMICI DELL'ASSUNZIONE E GLI SGRAVI CONTRIBUTIVI
Il contratto di apprendistato consente all'azienda di assumere e formare nuove professionalità ad un costo del lavoro vantaggioso, in quanto sia la remunerazione che gli oneri previdenziali e assistenziali sono ridotti.
 

I datori di lavoro usufruiscono di una contribuzione a loro carico, per tutta la durata dell’apprendistato, pari al 11,31% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali (mentre la quota a carico dell’apprendista è pari al 5,84%) a decorrere dall’1 gennaio 2013. Al termine del periodo di apprendistato l’agevolazione contributiva viene riconosciuta anche per i dodici mesi successivi.

Con il messaggio n.2499/2017 l'INPS ha confermato poi che, fino al 31 dicembre 2017, i datori di lavoro che assumono con contratto di apprendistato di primo livello avranno riconosciuti un'aliquota ridotta pari al 5% e l'esonero dal versamento del ticket di licenziamento, come previsto nell'articolo 52 del D.lgs. 150/2015.

Per il 2019 e gli anni successivi, la Legge di Bilancio (Legge n.145/2018) ha confermato un particolare regime agevolativo per l’apprendistato cd. “duale”. L'incentivo consiste in un esonero triennale dal versamento dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’INAIL, nel limite massimo di euro 3.000 su base annua.
L’esonero spetta, nello specifico, per le assunzioni con contratto a tempo indeterminato – a tutele crescenti - di giovani che hanno svolto, presso il medesimo datore di lavoro, attività di alternanza scuola-lavoro o periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore o periodi di apprendistato in alta formazione. Il titolo di studio deve esser stato acquisito da non più di sei mesi.    

Il D.Lgs 81/2015 prevede la possibilità di assumere in apprendistato persone disoccupate ai fini della loro qualificazione o riqualificazione, a prescindere dall'età anagrafica posseduta al momento dell'assunzione. L'INPS ha chiarito con il messaggio n.2243/2017 che in questi casi il regime contributivo è il medesimo previsto dalla disciplina vigente per le assunzioni in apprendistato professionalizzante sulla base del regime ordinario, fatta eccezione per le specifiche deroghe espressamente contemplate dalla legge.

Un dettagliato riepilogo delle agevolazioni, previste per le diverse tipologie di apprendistato, è fornito dalla circolare INPS n.108/2018.
Incentivi economici e retributivi

 



ISCOM ER RAVENNA
Via di Roma 102
48121 Ravenna
Tel 0544/515651
Fax 0544/515636
E-mail: rdessi@iscomer.it 

News / Eventi

JOBTER

» Continua

TIROCINI IN EMILIA ROMAGNA - NUOVA LEGGE, NUOVE OPPORTUNITA'

» Continua

Newsletter

Inserisci la tua email, sarai informato sulle novitÓ di Iscom ER Ravenna.

Iscriviti alla newsletter di Accademia del Gusto
Partners
confcommercio Emilia Romagna confcommercio RavennaAccademia del gusto ForteFormazione lavoro Jobter